Questo sito web utilizza cookie.
Questo sito web utilizza cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando e utilizzando il sito si acconsente all'uso dei cookie. Per gestire, disabilitare o eliminare i cookie, accedere alle impostazioni del browser. Per saperne di più sull'informativa sui cookie.
Per le piccole imprese bolognesi un contributo sull'acquisto di Sistemi di Sicurezza
del 10-03-2014 in News

Micro e piccole imprese Consorzi di imprese, Reti di impresa, Reti Temporanee di Imprese (RTI), Associazioni Temporanee di Imprese (ATI) formate da micro, piccole imprese. A loro è rivolta l’opportunità di accedere ai contributi messi a disposizione della Camera di Commercio per migliorare il proprio livello di sicurezza a protezione della propria attività d'impresa.

Dal 1 aprile, infatti, si potrà fare domanda per ottenere un contributo economico a parziale copertura dei costi sostenuti per l’acquisto e installazione di sistemi di allarme.
Partendo dallo stanziamento complessivo, pari a 200 mila euro, i contributi saranno assegnati in conto capitale e potranno a coprire fino al 50% delle spese sostenute (fino al limite massimo di 2.500 euro), percentuale che è viene incrementata al 60% per le imprese femminili.

La domanda si potranno presentare, dal 1 aprile, in modalità telematica con firma digitale attraverso lo specifico sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere.
L'ammissione al contributo avverrà in base all'ordine cronologico dell'invio, stabilito dal numero di protocollo assegnato in automatico dal sistema, fino ad esaurimento del fondo disponibile che determinerà la chiusura anticipata del bando.
Dal 25 marzo si potrà consultare il bando Webtelemaco in modo che le aziende possano predisporre la pratica completa prima dell'apertura dello sportello telematico.
Le spese ammissibili, che dovranno essere fatturate e integralmente pagate al momento dell'invio della domanda, coprono il periodo dal 9 settembre 2013 (data di chiusura del bando 2013) alla data di invio della domanda e si riferiscono a:

  1. Sistemi di videoallarme antirapina in grado di interagire direttamente con le centrali operative della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri o degli Istituti di Vigilanza,
  2. Sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso e sistemi antintrusione con allarme acustico e nebbiogeni;
  3. Casseforti, blindature, sistemi antitaccheggio, inferriate, porte di sicurezza, serrande e vetri antisfondamento;
  4. Sistemi di pagamento elettronici (POS e carte di credito);
  5. Dispositivi aggiuntivi di illuminazione notturna, connessi all’impiego di protezioni esterne di sicurezza che consentono la vista dell’interno.

Il costo minimo da sostenere per l'accesso al contributo è di 1.000 euro di imponibile e gli interventi devono essere realizzati in provincia di Bologna.

Per maggiori informazioni clicca qui

© Copyright 2018 DAITEM | P.IVA 01520211200 | Privacy Notice | Note Legali | Cookie Policy